DanceMe

di Il Juice

Nulla si crea, nulla si distrugge

Luna Paese, #performer, racconta riutilizzo e riciclo di temi e idee nell’esperienza coreografica

Rererewriting è stata la primissima performance della primissima edizione di DanceMe, nel 2011, con la quale la performer Luna Paese avviò il processo creativo condiviso inteso come riscrittura di materiali che diventano propri. Non contenta, ha presentato sotto forma di studio a SoloInAzione festival 2013, un’ulteriore riformulazione della prima performance: Re-Rerererewriting appunto! Andiamo a conoscere il suo punto di vista su come riutilizzo e ricerca possono miscelarsi.
“Nel mio caso ho avuto una specifica attrazione verso il lavoro della coreografa Yvonne Rainer e ho deciso di riprendere alcuni elementi di riflessione dalla sua opera, che sono anche dei temi interessanti per me nella vita e nel lavoro: la distinzione privato / pubblico e l’utilizzo del privato nel lavoro scenico, un certo interesse per i temi sociali di classe, razza e genere e l’ambigua posizione dell’artista preso tra lo statement politico radicale e il bisogno di essere “amato” e di sedurre per costruire un rapporto con gli spettatori (e non solo con loro). Non ero interessata a ricostruire un lavoro di Yvonne Rainer, ma mi piaceva l’idea di produrre qualcosa di assolutamente nuovo a partire da elementi già esistenti: è lo spettacolo che è importante e sia la ricerca che il riutilizzo sono al servizio di qualcosa di molto specifico. E’ interessante l’idea di prendere il lavoro di qualcun altro o elementi esterni come base di partenza perché in un certo senso ti levano dalla responsabilità e anche dalla pretesa di produrre qualcosa di nuovo e “originale” – e questa è anche una presa di posizione nei confronti di questa pretesa di novità e originalità; e può entrare in relazione con la prima edizione di DanceMe, il fatto di restare aperti a contribuzioni esterne e accettare altri punti di vista sul proprio lavoro.”

La performer Luna Paese realizza per Studio28 Tv il format Campi di produzione, videointerviste a coreografi di fama internazionale. 

Torna al magazine

Share your opinion

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>