editoriale

di G&G

M’illumino di magazine

Perypezye non si ferma, anzi rilancia: nasce il bimestrale delle politiche culturali. Iniziamo dalla cultura #benecomune? con video

Rullo di tamburi….Sìori e sìore, i giochi sono fatti: ecco a voi S28Mag!

Ebbene sì: non ci bastava la web tv. Che problema c’è? Perypezye Urbane ha sempre creduto nell’immagine dell’artista che, mentre alberga nella sala prove, strizza l’occhio a Bruxelles e titilla il suo netbook in cerca di notizie. Una sala non è solo un cubo a sei facce, ma un qui e ora, e nelle tele-telai culturali che si stanno profilando all’orizzonte è importante avere il coraggio di farsi travolgere dall’energia dell’attualità.

Andiamo dritti al tema di questo primo numero: il bene comune. Occupare, ops scusate, liberare: quel diritto collettivo, che ci riporta all’annosa questione di chi controlla la stretta relazione fra l’urbanizzazione, la produzione e l’uso delle eccedenze. Si può trattare un teatro alla stregua dell’acqua che scorre nei nostri acquedotti? Esiste davvero una terza via di gestione della cultura che non sia né esclusivamente pubblica, né esclusivamente privata? Abbiamo scomodato Ugo Mattei, il guru dei commons che sta catechizzando mezza Italia, e Alessandro Hinna - l’eretico che sottrae l’aureola al pubblico per darla al privato.

Ma ci sono anche le rubriche di Valsecchi e Capriccioli: creando lo stesso effetto di un soleggiato déjeneur sur l’herbe interrotto improvvisamente da un temporale, i due ci portano fuori da prevedibili recinti culturali scompigliando qualunque luogo comune. E poi entriamo in Europa, per favore, ed entriamoci fino al collo: rubriche di divulgazione e di approfondimento su ciò che le istituzioni da noi elette stanno combinando nelle cultural policies continentali.

Mentre per gli e-maniacs c’è da vedere e ascoltare, con le tre rubriche BookMe, DanceMe e DesignMe.

C’è tanto altro, naturalmente, ma lo spazio a nostra disposizione è poco: cliccate sulla freccia a destra, senza indugi, sarete i benvenuti su S28Mag!

Politics, politics politics politics. Politics… from Dmitry Paranyushkin on Vimeo.

Share your opinion

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>