la parola

Mercato

#mercato è la parola più abusata del 21° secolo. Dalle #industriecreative al baratto, da @garykasparov a @WWm_Shakespeare

“I mercati azionari e i campi di battaglia non sono ordinati come una scacchiera, ma anche lì il successo dipende dalla qualità di decisioni scaturite da metodi di analisi appropriati” scriveva nel 2007 Garri Kasparov, campione di scacchi dissidente. Decisioni e analisi evocate dall’uso della parola mercato sono il terreno del secondo numero di S28 Mag. Dalla vendita delle immateriali performance di Tino Sehgal al concetto di industrie culturali. E se la risposta fosse nei versi di Shakespeare?

Chi è troppo sazio soffre come chi
muore di fame;non è fortuna da poco
quindi stare nel mezzo. Il superfluo
fa venire piu’ presto i capelli
bianchi mentre avere solo il
necessario fa vivere piu’ a lungo.
- Il Mercante di Venezia

Share your opinion

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>