editoriale

di G&G

Editoriale

S28Mag numero 3. #beniculturali, in vista delle #Elezioni2013. Nel numero l’intervista doppia a @StefanoBoeri e Salvatore #Settis

Il 2012 è stato un anno intenso per il settore culturale, con un bilancio niente affatto entusiasmante. Eppure Ernesto Galli della Loggia e il filosofo Roberto Esposito invocano per il nuovo anno un Ministero della Cultura: ma se non riusciamo nemmeno a essere custodi del patrimonio ereditato, com’è possibile istituire un dicastero della Cultura che implica anche impresa culturale e non solo di conservazione? Sono solo pronunciamenti da campagna elettorale? Mario Monti fa il suo appello al “voto utile”, ma cosa ricorderemo della breve apparizione di Ornaghi al Ministero dei Beni Culturali? Secondo Salvatore Settis, su La Repubblica del 10 dicembre 2012, poco o nulla: tanto valeva riabilitare persino Sandro Bondi, sembra suggerire. L’ex ministro dei Beni Culturali Veltroni gioca con i numeri sul Corriere della Sera del 27 gennaio, ricordando i gloriosi aumenti di Ciampi: da 1700 miliardi nel 1995 a 2600 miliardi del 1998 e 4000 miliardi a fine legislatura. E oggi? Quali prospettive con un budget che nel 2013 è regredito alla metà del 1998? “Chi ha detto che con la cultura non si mangia?”, entra a gamba tesa Giovanni Gentile, presidente di Florens, la Biennale internazionale di beni culturali e ambientali. “Se intesa come economia, ovvero valorizzazione dei beni fra cui c’è il paesaggio, la cultura è la via maestra per sviluppo e occupazione”. E se “tradizione non è adorazione della cenere ma custodia del fuoco” (Gustav Mahler), affinchè il nostro patrimonio non rappresenti solamente un costo legato alla sua conservazione, ma anche fonte di reddito, come mettere a valore i nostri beni culturali? Non potevamo allora non approfondire in questo numero la questione sui “beni culturali”. Abbiamo ripescato l’ex competitor di Ornaghi, Salvatore Settis, e l’assessore alla cultura di Milano, Stefano Boeri, e li abbiamo intervistati nella sfida doppia, il fiore all’occhiello di questo numero.

Share your opinion

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>