Editoriale

di G&G

Editoriale

Educazione e Formazione: #S28Mag 5Dal rapporto @Federculture #strategiacultura alle scuole inglesi

Nella visione innatistica nella quale l’individuo, al momento della nascita, è già dotato delle delle capacità e degli atteggiamenti di ordine cognitivo (intelligenti si nasce), il compito della scuola non sarebbe quello di promuovere la formazione delle capacità (percettive, di discriminazione, di generalizzazione, di astrazione, di intuizione, di analisi, di sintesi…) ma solo quello di fornire le informazioni, le conoscenze, il sapere di cui le capacità hanno bisogno per esplicarsi. Detto questo però in Italia – visti solamente gli ultimi insulti del ministro Calderoli – da tempo oramai abbiamo la conferma che questa visione non basta, bensì è necessario rivalutare il consistente apporto delle stimolazioni socioculturali: riconoscere che le capacità e gli atteggiamenti in cui consiste la formazione umana non siano innati, ma debbano essere acquisiti.

Allora come possiamo garantirci il successo formativo, inteso nell’accezione costituzionale di pieno sviluppo della persona umana cioè di piena formazione dell’uomo nella integralità delle sue dimensioni costitutive che comprendono e vedono interconnesse la dimensione motoria, la dimensione cognitiva, la dimensione estetica, la dimensione linguistica, la dimensione musicale, la dimensione sociale, la dimensione civica, la dimensione morale ecc, sopratutto alla luce del fatto che il nostro paese è al ventisesimo posto nell’Ue per la spesa relativa a istruzione e formazione?

Abbiamo provato a fare un viaggio nella formazione attraverso questo nuovo numero sognando anche per il nostro Paese le scuole in cui s’insegna a sbagliare.

Torna al magazine

Share your opinion

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>