conversazioni impossibili

di Giovanni Sabelli Fioretti

Cultura UE: dal copyright al doping

Intervista a  Helga Trüpel, vicepresidende della Commissione @Cultura: come si lavora in #UE? Quali le priorità?

Helga Trüpel è vicepresidente della Commissione Cultura ed Educazione (CULT) del Parlamento Europeo. Fa parte del gruppo parlamentare Verde/Alleanza libera europea ed è stata eletta in Germania nelle fila del partito Bündnis 90/Die Grünen. La deputata ci dà una panoramica sul ruolo e le attività della Commissione.

Quali sono le funzioni della Commissione CULT?
La Commissione CULT affronta tutte le questioni relative al rafforzamento della diversità culturale, del dialogo interculturale, dei programmi educativi a livello europeo, e si occupa delle politiche relative allo sport, i media, la cooperazione tra cittadini e la gioventù.

I deputati che fanno parte della Commissione sono esperti del settore?

Il background dei deputati membri della Commissione è vario e diversificato, molti di loro hanno una storia politica vicina a questi temi o hanno comunque interessi specifici legati ad almeno uno dei focus della Commissione. I deputati sono comunque scelti dai loro rispettivi gruppi politici di appartenenza.

In base a quale criterio sono scelti per far parte della Commissione?

Sono scelti in base a esigenze di ordine politico.

Quali sono i principali output della Commissione e come vengono usati dal Parlamento e dalle altre istituzioni dell’Unione Europea?

La Commissione CULT è un legislatore in ambito di programmi culturali, sull’educazione, sulla gioventù, sullo sport e nell’ambito della regolamentazione dei mezzi di comunicazione. Affronta molte questioni su come rinforzare la presenza dei cittadini in relazione alla cultura, la cooperazione, l’inclusione sociale e lo sviluppo di nuove capacità.

Le decisioni della Commissione possono entrare in vigore senza passare dal voto plenario del Parlamento?

No, la plenaria deve sempre votare, e i provvedimenti legislativi e le raccomandazioni hanno bisogno della maggioranza dei voti della plenaria per essere approvati.

Come fate a coinvolgere attivamente i cittadini nelle attività della Commissione?
I cittadini trovano tutte le attività della Commissione in rete, possono dare raccomandazioni durante la redazione dei “Libri verdi” e possono partecipare alle sedute del parlamento come uditori. Possono coinvolgere direttamente i deputati nella risoluzione di questioni legate ai loro bisogni e interessi.

Quali sono gli argomenti “caldi” presenti nella vostra agenda?
Sicuramente i nuovi programmi per i settori culturali ed educativo per il periodo 2014-2020, la riforma delle società per i diritti d’autore, il Programma Europa per i Cittadini, la lotta contro il doping, valorizzare e dare più potere alle nuove generazioni in Europa.

Share your opinion

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>